Acquisto strumenti musicali, bonus e credito d’imposta: in arrivo le modalità applicative

strumenti-musicali-online

L’Agenzia delle Entrate ha reso disponibile il provvedimento che disciplina le modalità applicative per l’attribuzione del contributo fino a 1.000 euro per l’acquisto di strumenti musicali da parte degli studenti dei conservatori e del correlato credito d’imposta a favore del produttore o dei rivenditori, introdotto dalla legge di Stabilità per il 2016.
L’art. 1, comma 984, della legge di stabilità 2016 ha introdotto, a favore degli studenti dei conservatori di musica e degli istituti musicali pareggiati, un contributo per l’acquisto di uno strumento musicale nuovo, coerente con il corso di studi, anticipato dal rivenditore sotto forma di sconto sul prezzo di vendita. Lo sconto è rimborsato al rivenditore sotto forma di credito d’imposta di pari importo, da utilizzare in compensazione ai sensi dell’art. 17 del D.Lgs. 241/1997.

School-bonus-credito-d’imposta-per-chi-fa-donazioni

Sul piano soggettivo il provvedimento dispone che il contributo spetta agli Il contributo spetta agli studenti dei conservatori di musica e degli istituti musicali pareggiati di cui all’allegato 1, iscritti e in regola con il pagamento delle tasse e contributi dovuti all’Istituzione, nell’anno accademico 2016-2017, ai corsi di strumento secondo il precedente ordinamento e ai corsi di laurea di primo livello secondo il nuovo ordinamento, indicati nell’allegato n. 2.
Il contributo è concesso per l’acquisto di uno strumento musicale nuovo e coerente con il corso principale cui è iscritto lo studente, in base all’allegato 2, o per lo strumento considerato “affine”, in base alle dichiarazioni di conformità con gli obiettivi disciplinari del corso di studio rilasciate dalle istituzioni di appartenenza.
Il contributo spetta per gli acquisti effettuati nel 2016, una sola volta, anche in caso di acquisto di un singolo componente dello strumento, per un importo non superiore a 1.000 euro e, comunque, in misura non eccedente il prezzo dell’acquisto, nel limite complessivo dello stanziamento di spesa di quindici milioni di euro.
Per accedere al contributo, che è erogato sotto forma di sconto sul prezzo di vendita praticato dal rivenditore o produttore, lo studente dovrà richiedere al conservatorio di musica o all’istituto musicale pareggiato, che è tenuto al relativo rilascio, un certificato d’iscrizione non ripetibile “per tale finalità”, da cui risulti il suo cognome, nome, codice fiscale, corso e anno di frequenza nonché lo strumento musicale coerente con il corso di studi.
Il predetto certificato, che attesta la sussistenza dei requisiti per fruire del contributo ed indica lo strumento agevolabile, è predisposto dal conservatorio di musica o dall’istituto musicale pareggiato in duplice esemplare di cui uno conservato dall’emittente e uno rilasciato allo studente il quale è tenuto a consegnarlo al produttore o al rivenditore al momento dell’acquisto dello strumento.

fonte: http://www.ipsoa.it

Dal mese marzo 2020 il CICS e le Cooperative dello Spettacolo hanno attuato una serie di misure per far fronte all’emergenza lavorativa dei soci:

Ci auguriamo che la soddisfazione dei Soci sia pari al grado di impegno riportato dal CICS e le Cooperative.