Slide 1
Consorzio Italiano Cooperative dello Spettacolo
Perché diventare socio?

Scopri i vantaggi che puoi avere diventando socio di una cooperativa del CICS

Slide 2
il vasto mondo dello spettacolo
Puoi farne parte anche tu

All'interno delle cooperative del CICS è possibile svolgere tantissime attività del mondo dello spettacolo e anche oltre...

previous arrow
next arrow

BENVENUTI NEL SITO DEL
Consorzio Italiano
Cooperative dello Spettacolo

UN LAVORO… SPETTACOLARE!!!

Vogliamo accogliervi così, perché è proprio quello che intendiamo trasmettere a tutti coloro che non ci conoscono. Perché desideriamo che anche chi non ha ancora avuto la possibilità di entrare in contatto con questo fantastico mondo, possa attraverso questo portale incontrarlo e senza dubbio rimanerne affascinato. E perché ci sta a cuore che tutti voi che dedicate amore e passione alla vostra attività musicale, o teatrale, o qualunque essa sia, sappiate che… sì, state facendo un LAVORO SPETTACOLARE!!!

 

… PER UN PUBBLICO FANTASTICO!!!

… e così vogliamo accogliere voi, un pubblico presente, caloroso e desideroso di lasciarsi trasportare ogni volta dalle note, parole, interpretazioni, voci, battute dei nostri artisti… Il nostro obiettivo è che voi che siete gli acquirenti siate sempre soddisfatti nell’affidarvi ai servizi che offrono gli artisti che lavorano per il C.I.C.S.: che si tratti di una festa, di una sagra paesana o di un evento particolare il nostro scopo è sempre il divertimento!

NON ESITATE A CONTATTARCI. LA VOSTRA SODDISFAZIONE E’ LA NOSTRA.

Galleria



Una grande famiglia

Le cooperative del CICS racchiudono quasi 700 soci; ognuno di loro è parte di questa grande famiglia che si è venuta a creare negli anni grazie ai rapporti tra l'amministrazione e i Soci.

Esperienza pluriennale

Le cooperative sono nate nei primi anni 90' come frutto dell'unione di artisti del Veneto, e da allora, grazie allo Studio Pozzato, è stato costruito questo organismo lavorativo professionale che tutela i Soci.

Innovazione

Il CICS opera per dare ai Soci più servizi nel modo più semplice possibile, e l'innovazione messa in campo negli ultimi anni è stata fulcro per l'offerta proposta. Siamo sempre impegnati a fornire maggior fruibilità dei servizi mantenendo sempre sicurezza e familiarità.

PROSSIMI EVENTI

PRESENTAZIONE AUDIOLIBRO MILI MUOI – L’ESODO DEI MIEI | Trieste (TS) | 01/12/21

PRESENTAZIONE AUDIOLIBRO MILI MUOI – L’ESODO DEI MIEI | Trieste (TS) | 01/12/21

Artista: Luisa Trevisi - Idee che danno spettacolo

Data evento: 01/12/2021

Orario di inizio: 17:30

Dove si svolge: Lovat Trieste

Descrizione: AUDIOLIBRO DELLO SPETTACOLO TEATRALE MILI MUOI – L’ESODO DEI MIEI L’audiolibro contiene il testo integrale dello spettacolo letto, suonato e cantato da Carlo Colombo “Mili muoi, così mi chiamava mia nonna…” Carlo Colombo è un pianista, autore e cantante trevigiano, ma è anche un figlio di profughi giuliano-dalmati. Ha deciso di affrontare lo spinoso tema dell’esodo dai territori dell’Istria e della Dalmazia a seguito dell’instaurazione della dittatura comunista della Jugoslavia di Tito dopo il 1945, vissuto in primis dalla sua famiglia sia paterna che materna. Racconta storie di fughe via mare e via terra accompagnandosi con il pianoforte, l’ekatron e il toy piano; lo fa anche cantando canzoni d’epoca e canzoni originali che ha scritto appositamente per questo spettacolo. Le testimonianze sono tutte dirette e acquisite sin dall’infanzia dai suoi nonni e quando dagli anni 70 in poi ritornò regolarmente con i suoi genitori nelle terre di origine. Parla di Nori, di Livia, di Tina, donne che aiutate dai loro uomini hanno ricostruito la propria vita lontano dalla terra di nascita a seguito di rocambolesche fughe, rischiose per sé e per i famigliari rimasti. Lo spettacolo è un viaggio sonoro attraverso i ricordi di un mondo che c’era e che si è spostato altrove.

Artista: Luisa Trevisi - Idee che danno spettacolo

Data evento: 01/12/2021

Orario di inizio: 17:30

Dove si svolge: Lovat Trieste

Descrizione: AUDIOLIBRO DELLO SPETTACOLO TEATRALE MILI MUOI – L’ESODO DEI MIEI L’audiolibro contiene il testo integrale dello spettacolo letto, ...

Carlo Colombo 4et | NATALE INCANTATO 2021 Treviso (TV) | 04/12/21

Carlo Colombo 4et | NATALE INCANTATO 2021 Treviso (TV) | 04/12/21

Artista: Luisa Trevisi - Idee che danno spettacolo

Data evento: 04/12/2021

Orario di inizio: 16:30

Dove si svolge: Piazza Rinaldi Treviso

Descrizione: Concerto swing del gruppo “Carlo Colombo 4et” formato da: Carlo Colombo piano, voce Stefano Gajon clarinetto, glockenspiel, cori Renato Peppoloni batteria, cori Giorgio Panagin contrabbasso, cori Il concerto prevede l’esecuzione di canzoni originali e cover in chiave jazz-swing dove Carlo Colombo, pianista e cantante, racconta storie di vita quotidiana accompagnato da stimati musicisti jazz a livello nazionale. Questo tipo di spettacolo crea un’atmosfera d’altri tempi. La sonorità proposta è acustica, raffinata ed accattivante. Si spazia dal suono classico swing anni ’40-50 fino a sonorità anni ’30. Questa operazione vuole essere una scoperta o per alcuni una riscoperta delle sensazioni legate ad un genere immortale come lo swing. Il repertorio è pensato anche per il ballo di coppia swing e lindyhop, nell’ultimo disco è presente la prima versione italiana di “Tain’t what you do” (sigla universamente riconosciuta dei ballerini di lindyhop): DIMMI COME FAI Oltre al repertorio originale, si affiancano celebri cover in italiano ed inglese: Via con me, In cerca di te, mille lire al mese, All of me, On the sunny side of the street ed altre. Grande spazio è dato alla musica ed ai musicisti che dialogando tra loro con i loro strumenti diventano veri protagonisti in questo spettacolo e non soltanto dei semplici accompagnatori. Il Progetto Carlo Colombo nelle sue varie formazioni ha suonato in diversi festival e rassegne jazz tra cui: Arezzo Jazz, Veneto jazz, Jazz & Wine a Gorizia, SanGiezz Festival a Termoli, e numerosi Jazz Club tra cui il “Chet Baker” a Bologna, Il “Vapore” a Marghera(Ve), “Jazz Club 900” a Venezia, “Osteria del jazz” e “Jumpin’Jazz Ballroom” a Milano. Inoltre ha suonato nel Festival Treviso Street – Food & Jazz nelle edizioni 2016, 2017, 2018; MusicaViva a Cison di Valmarino nel 2017; Suoni Di Marca Treviso nel 2013 e 2018, Swing on the Beach – The italian “Swing Craze” Festival a Pescara nel 2018, Bassano sotto le stelle nel 2018, eventi legati ai festeggiamenti per il Capodanno 2019 e 2020 in un’isola privata delle Maldive. La parola all’artista: “Lo swing è un genere musicale che trasversalmente riesce a colpire dai bambini agli anziani perché è una musica energica, acustica, non ha bisogno di amplificazione, di aiuti, di elettronica, per cui le vibrazioni che ne scaturiscono sono sempre delle vibrazioni positive. Da bambino volevo fare il disegnatore, mi piaceva, sono passato alla musica perché con quest’ultima riuscivo ad avere una tridimensionalità e un’astrazione che con il disegno non riuscivo ad esprimere. Il pianoforte è bello perché è uno strumento completo. Tu praticamente hai sotto le mani tutta l’orchestra. Il pianoforte è importante, è un po’ considerato il re degli strumenti per questo motivo…perché tu puoi imitare l’orchestra La necessità di creare non è cambiata nel tempo, la molla è sempre la stessa, trovare dei lati umani o quantomeno romantici da raccontare a cose, persone o situazioni che gli altri non considerano. Per le influenze musicali devo ringraziare soprattutto i miei due fratelli maggiori, ascoltavano gran bella musica: Rolling Stones, Bowie, Talking Heads, Cure, e tantissimi altri, poi ho capito che per comprendere bene la musica moderna bisognava andare alle origini, musica classica, blues e jazz, e lì ho ascoltato di tutto. Da mio padre ho ereditato le canzoni anni 40-50 fino a Carosone e Buscaglione, da parte di mia madre il concerto per pianoforte e orchestra di Tcaikovsky ed il film Disney “Fantasia”

Artista: Luisa Trevisi - Idee che danno spettacolo

Data evento: 04/12/2021

Orario di inizio: 16:30

Dove si svolge: Piazza Rinaldi Treviso

Descrizione: Concerto swing del gruppo “Carlo Colombo 4et” formato da: Carlo Colombo piano, voce Stefano Gajon clarinetto, glockenspiel, cori Renato...

IL NATALE DI O’BRIEN | Ponte San Nicolò (PD) | 11/12/21

IL NATALE DI O’BRIEN | Ponte San Nicolò (PD) | 11/12/21

Artista: Luisa Trevisi - Idee che danno spettacolo

Data evento: 11/12/2021

Orario di inizio: 20:45

Dove si svolge: Sala Civica Unione Europea Piazzale Altiero Spinelli Ponte San Nicolò, PD

Descrizione: READING MUSICALE con i Giazzati 4et in versione NATALGIAZZ e Valentina Paronetto   “Il primo Natale di O’Brien” di Jeanette Winterson è un racconto natalizio un po’ controcorrente, ambientato in un moderno megastore e adatto a ragazzi e adulti.   Alla lettura si alternano gli interventi musicali dei Giazzati 4et con il loro repertorio di classici brani natalizi americani (NATALGIAZZ)   “Sono le canzoni che potresti ascoltare in qualsiasi ascensore di NY in questo periodo, ma anche quando andate a far la spesa al supermercato, canzoni come “Let It Snow”, “I’ll Be Home for Christmas”, “Silent Night”, “Santa Claus is coming to town”.   Le canzoni sono interpretate alla “Giazzati”, quindi con tanto swing, bossa, jazz.       GIAZZATI 4et   Valeria Bruniera – voce Dario Volpi – chitarra Ivan Biasi – contrabbasso Tim Smethurst – batteria   Il gruppo nasce nel 2010 da un’idea di Dario Volpi e Ivan Biasi: riproporre i brani famosi pop, rock, e italiani in chiave jazz. I brani mantengono i testi e la melodia originali ma cambiano nel supporto armonico e ritmico, subendo vere e proprie trasformazioni, abbracciando i ritmi caraibici, la samba, lo swing, il mambo, etc.       VALENTINA PARONETTO   Attrice, regista ed educatrice nel campo del teatro e dell’animazione Laurea in Scienze Poli3che conseguita presso Università di Padova. Diploma di Perito Tecnico per il Turismo conseguito presso ITT Mazzo? di Treviso Dal 1995 studia e lavora in diversi teatri partecipando come attrice e regista a diversi spettacoli. Nel 1997 fonda assieme a Patrizia Galletti, Michela Cescon, Donatella Sacco il gruppo Motiditea che aveva come progetto la promozione della poesia partendo dalla conoscenza personale e collaborazione con il poeta Andrea Zanzotto. Dal 1995 attrice e regista di numerosi spettacoli tra i quali Le Spose di Sofia produzione Teatro Ossero Treviso, Viaggio straordinario regia Mirko Artuso, La vita è sogno di C. della Barca regia di Mirko Artuso, Il nodo regia Xenia De Luigi produzione Teatro di Piove di Sacco, Cave regia collettiva produzione Codice a curve, Rossetto e Cioccolato con Valeria Bruniera e Filippo Tantino produzione Codice a Curve. Molti spettacoli per bambini e reading in situazioni diverse. Dal 1998 collabora con Università della terza età di Treviso. Dal 2000 collabora con Associazione culturale Iris per la promozione della lettura presso numerose Biblioteche del territorio Veneto. Dal 2001 svolge percorsi di teatro all’interno dell’Is3tuto Penale per i minori di Treviso. Dal 2007 al 2018 ha collaborato con la Dottoressa Rando dell’Ulss 9 di Treviso alla creazione di percorsi didattici teatrali, legati alla sessualità, all’interno degli Istituti Superiori di Treviso.

Artista: Luisa Trevisi - Idee che danno spettacolo

Data evento: 11/12/2021

Orario di inizio: 20:45

Dove si svolge: Sala Civica Unione Europea Piazzale Altiero Spinelli Ponte San Nicolò, PD

Descrizione: READING MUSICALE con i Giazzati 4et in versione NATALGIAZZ e Valentina Paronetto   “Il primo Natale di O’Brien” di Jeanette W...

CONCERTO NATALGIAZZ | NATALE INCANTATO 2021 Treviso (TV) | 12/12/21

CONCERTO NATALGIAZZ | NATALE INCANTATO 2021 Treviso (TV) | 12/12/21

Artista: Luisa Trevisi - Idee che danno spettacolo

Data evento: 12/12/2021

Orario di inizio: 16:30

Dove si svolge: Pescheria treviso

Descrizione: Una dolce e lenta versione di “We Wish You a Merry Christmas”, un tocco di coinvolgente bossa per “Feliz Navidad” e “Jingle Bells” dalle sonorità jazz.   Non è opera di Micheal Bublè, il famoso cantante canadese, ma dei Giazzati 4et, formazione trevigiana jazz con la voce della cantante Valeria Bruniera, che recentemente ha realizzato un cd di canti natalizi. Si Intitola “NatalGiazz” e in sè ha tutto lo spirito “Jazz” del Giazzati 4et in versione Christmas……   “Sono le canzoni che potresti ascoltare in qualsiasi ascensore di NY in questo periodo, ma anche quando andate a far la spesa al supermercato, canzoni come “Let It Snow”, “I’ll Be Home for Christmas”, “Silent Night”, “Santa Claus is coming to town”.   Le canzoni sono interpretate alla “Giazzati”, quindi con tanto swing, bossa, jazz.   L’idea di base della formazione nata nel 2010, è infatti uscire dai tradizionali standard jazz per proporre brani pop, o come in questo caso, canti di Natale in chiave Jazz   Valeria Bruniera – voce Dario Volpi – chitarra Ivan Biasi – contrabbasso Tim Smethurst – batteria

Artista: Luisa Trevisi - Idee che danno spettacolo

Data evento: 12/12/2021

Orario di inizio: 16:30

Dove si svolge: Pescheria treviso

Descrizione: Una dolce e lenta versione di “We Wish You a Merry Christmas”, un tocco di coinvolgente bossa per “Feliz Navidad” e “Jin...

IL NATALE? TUTTE STORIE | Giovanni Betto | Portogruaro (VE) | 17/12/21

IL NATALE? TUTTE STORIE | Giovanni Betto | Portogruaro (VE) | 17/12/21

Artista: Luisa Trevisi - Idee che danno spettacolo

Data evento: 17/12/2021

Orario di inizio: 20:30

Dove si svolge: Sala polifunzionale della Biblioteca Civica di Portogruaro Via Seminario n. 29 Portogruaro

Descrizione: Il Natale? Tutte storie, dai racconti di Francesco Piccolo, O. Henry, Achille Campanile, Stefano Benni, Cristiano Cavina, Italo Calvino, Dino Buzzati e altri con Giovanni Betto Una carrellata di racconti che hanno come denominatore comune il Natale, declinato nelle forme più diverse, attraverso le pagine di grandi autori.

Artista: Luisa Trevisi - Idee che danno spettacolo

Data evento: 17/12/2021

Orario di inizio: 20:30

Dove si svolge: Sala polifunzionale della Biblioteca Civica di Portogruaro Via Seminario n. 29 Portogruaro

Descrizione: Il Natale? Tutte storie, dai racconti di Francesco Piccolo, O. Henry, Achille Campanile, Stefano Benni, Cristiano Cavina, Italo Calvino, Dino Buzzati ...

CAPPUCCETTO ROSSO, IL LUPO E ALTRE ASSURDITÀ | Porto Tolle (RO) | 28/12/21

CAPPUCCETTO ROSSO, IL LUPO E ALTRE ASSURDITÀ | Porto Tolle (RO) | 28/12/21

Artista: Luisa Trevisi - Idee che danno spettacolo

Data evento: 28/12/2021

Orario di inizio: 20:30

Dove si svolge: Sala della Musica Porto Tolle Via Giordano, 3 Porto Tolle

Descrizione: C’era una volta Cappuccetto Rosso che, una bella mattinata d’estate, voleva portare la colazione alla cara nonnina… no, non va bene. C’era una volta Cappuccetto Rosso che, nonostante fuori piovesse, insisteva per portare la colazione alla nonna… no, nemmeno così va bene! C’era una volta Cappuccetto, che non voleva andare dalla nonna, perché voleva andare allo zoo, la sveglia suonava e lei fingeva di stare male per non alzarsi dal letto! Si, proprio così, la nostra storia vuole raccontare la vicenda classica… senza però riuscirci del tutto: cerca infatti di mantenere nei binari del racconto due buffi personaggi, Cappuccetto Rosso e il Lupo, che invece vorrebbero fare tutt’altro. A portare avanti l’arduo compito di trattenerli all’interno della storia sono due narratori che con l’autorità di una mamma e di un papà, cercano disperatamente di farsi ubbidire, di indirizzare, di consigliare, di imporsi. Ma chi sono Cappuccetto e il Lupo? Cappuccetto è una mitica figura femminile, uno spirito libero, che potremmo definire, quantomeno, poco attenta a ciò che le succede attorno: distratta e un po’ cocciuta ci mette ore ogni mattina per mettersi una giacca, adora i lupi e detesta la nonna perché le fa paura. Il Lupo, un po’ come Willy il Coyote, ha un unico obiettivo: mangiare cappuccetto Rosso. Ma scopriremo che, non avendola mai catturata, non sa nemmeno come sia fatta e quando la incontrerà, la scoprirà molto diversa da come se l’aspettava… Lo spettacolo è dinamico, comico, con momenti di grande dolcezza. Stravolge la storia classica senza snatu- rarla, dipingendo un mondo carico di gag clownesche e di riferimenti ai cartoni animati. L’impianto scenico ricorda un’enorme giostra che magicamente svela ambienti sempre nuovi impreziositi da una scenografia colorata, folle e sorprendente. Con questo spettacolo capirete chi è Cappuccetto, chi è il lupo e chi è la nonna e li amerete per la loro tenera e infinita ingenuità…. ehm, Cappuccetto e il lupo… la nonna, un po’ meno!   CREDITI Produzione: Dedalofurioso Soc. Coop. e Matàz Teatro Drammaturgia: Marco Artusi Con: Marco Artusi, Evarossella Biolo Progetto grafico e scenografico: CHD Animation Costruzione scene: Mario Trevisi Elaborazioni sonore: Marco Artolozzi Tecnico di Scena: Clara Stocchero   Spettacolo tratto dalla fiaba della tradizione popolare   PREMI E RICONOSCIMENTI 1° Premio al Festival “Briciole di fiabe” di Arezzo edizione 2017 organizzato da NATA Teatro con il sostegno di Ministero per i beni e le attività culturali, Regione Toscana, Comune di Arezzo e Rete Teatrale Aretina. 3° classificato al Festival In-Box Dal Vivo categoria Verde dedicata al Teatro Ragazzi edizione 2017 organizzato da Straligut Teatro con il sostegno di Ministero per i beni e le attività culturali e del Turismo, Regione Toscana, Comune di Siena, Fondazione Toscana Spettacolo onlus. Finalista Premio Otello Sarzi di Montegranaro 2019. Secondo classificato al Festival di Teatro Ragazzi G. Calendoli di Padova 2019.

Artista: Luisa Trevisi - Idee che danno spettacolo

Data evento: 28/12/2021

Orario di inizio: 20:30

Dove si svolge: Sala della Musica Porto Tolle Via Giordano, 3 Porto Tolle

Descrizione: C’era una volta Cappuccetto Rosso che, una bella mattinata d’estate, voleva portare la colazione alla cara nonnina… no, non va bene...

GINETTACCIO, STORIA DI UN UOMO GIUSTO | Chiuppano (VI)

GINETTACCIO, STORIA DI UN UOMO GIUSTO | Chiuppano (VI)

Artista: Luisa Trevisi - Idee che danno spettacolo

Data evento: 29/01/2022

Orario di inizio: 20:45

Dove si svolge: Auditorium Comunale – Centro Civico Via Amabile Peguri, 11 Chiuppano, VI 36010 Italia

Descrizione: In “Ginettaccio”, spettacolo scritto a quattro mani da Paolo Perin e Giovanni Betto, si vuole raccontare come nei momenti più bui della storia, anche se fievole, rimane accesa la fiammella della compassione umana grazie a donne e uomini giusti. Partendo dal racconto dell’infanzia e dell’ascesa sportiva di Gino Bartali si arriva a raccontare la storia (sconosciuta fino alla sua morte) del suo straordinario e silenzioso lavoro, speso per salvare la vita di centinaia di ebrei.In Ginettaccio la straordinaria storia del ciclista toscano, viene recitata e cantata con tinte leggere e poetiche, intrecciando vicende sportive e umane e raccontando il complesso contesto storico degli anni quaranta del secolo scorso.Viene raccontata la sua straordinaria storia non tanto mettendolo in scena in prima persona, ma raccontandola attraverso la voce di Giorgio Goldenberg, ebreo, che durante la guerra era ancora un ragazzino e se ne stava nascosto nella cantina di una delle case di Gino Bartali, insieme ai genitori e alla sorella più piccola. Commento dell’ex campione del mondo di ciclismo Maurizio Fondriest:È stato un piacere essere presente alla vostra serata.Mi è piaciuta moltissimo, nonostante conoscessi già la storia di Bartali lo spettacolo ha suscitato il mio interesse e quello del pubblico in sala.Siete riusciti a raccontare le sue gesta sia sportive ma soprattutto quelle umane in maniera forte e coinvolgente.Grazie anche a compagnie teatrali come la vostra, mi auspico che venga divulgato sempre più questo lato della vita del Ginettaccio che in pochi conoscono. La parola agli autori:Giovanni Betto: “Da 9 anni portiamo in giro “La notte” di Elie Wiesel, ma sia io, sia Paolo, stavolta volevamo fare una svolta di 180 gradi: non più parlare del male, bensì volgersi al bene. Nella convinzione che volgere lo sguardo al bene sia più fecondo che concentrarsi sul male. E allora abbiamo cercato una storia, forte, che andasse in quella direzione. E abbiamo incontrato Gino.” Durante gli anni del secondo conflitto mondiale il regime fascista inizia la persecuzione nei confronti degli ebrei italiani e porta l’Italia intera nel buio più nero della guerra. Donne e uomini giusti, tra i quali Gino Bartali tennero viva la compassione umana e in svariati modi traghettarono il paese intero verso un nuovo e lungo periodo di pace. Paolo Perin: “Dopo anni di spettacolo che parla dell’orrore dei campi di concentramento volevamo affrontare la stessa questione però da un lato diverso, da un lato che mettesse in evidenza la corresponsabilità in tutta questa vicenda del popolo italiano e anche che la analizzasse un po’ dalla parte di coloro che hanno tenuto la speranza accesa: la speranza che si poteva ripartire in un modo diverso per un periodo di pace. E Bartali è stato uno di questi. Noi pensiamo sia un messaggio che valga anche per adesso che siamo in un periodo un po’ conflittuale, c’è bisogno di gente che non si schieri con le bandiere ma che abbia sempre al centro la compassione tra gli uomini.”

Artista: Luisa Trevisi - Idee che danno spettacolo

Data evento: 29/01/2022

Orario di inizio: 20:45

Dove si svolge: Auditorium Comunale – Centro Civico Via Amabile Peguri, 11 Chiuppano, VI 36010 Italia

Descrizione: In “Ginettaccio”, spettacolo scritto a quattro mani da Paolo Perin e Giovanni Betto, si vuole raccontare come nei momenti più bui d...

GINETTACCIO, STORIA DI UN UOMO GIUSTO | Reggiolo (RE)

GINETTACCIO, STORIA DI UN UOMO GIUSTO | Reggiolo (RE)

Artista: Luisa Trevisi - Idee che danno spettacolo

Data evento: 30/01/2022

Orario di inizio: 17:00

Dove si svolge: Auditorium “Aldo Moro” Reggiolo Via Regina Margherita, 6 Reggiolo, RE 42046 Italia

Descrizione: In “Ginettaccio”, spettacolo scritto a quattro mani da Paolo Perin e Giovanni Betto, si vuole raccontare come nei momenti più bui della storia, anche se fievole, rimane accesa la fiammella della compassione umana grazie a donne e uomini giusti. Partendo dal racconto dell’infanzia e dell’ascesa sportiva di Gino Bartali si arriva a raccontare la storia (sconosciuta fino alla sua morte) del suo straordinario e silenzioso lavoro, speso per salvare la vita di centinaia di ebrei.In Ginettaccio la straordinaria storia del ciclista toscano, viene recitata e cantata con tinte leggere e poetiche, intrecciando vicende sportive e umane e raccontando il complesso contesto storico degli anni quaranta del secolo scorso.Viene raccontata la sua straordinaria storia non tanto mettendolo in scena in prima persona, ma raccontandola attraverso la voce di Giorgio Goldenberg, ebreo, che durante la guerra era ancora un ragazzino e se ne stava nascosto nella cantina di una delle case di Gino Bartali, insieme ai genitori e alla sorella più piccola. Commento dell’ex campione del mondo di ciclismo Maurizio Fondriest:È stato un piacere essere presente alla vostra serata.Mi è piaciuta moltissimo, nonostante conoscessi già la storia di Bartali lo spettacolo ha suscitato il mio interesse e quello del pubblico in sala.Siete riusciti a raccontare le sue gesta sia sportive ma soprattutto quelle umane in maniera forte e coinvolgente.Grazie anche a compagnie teatrali come la vostra, mi auspico che venga divulgato sempre più questo lato della vita del Ginettaccio che in pochi conoscono. La parola agli autori:Giovanni Betto: “Da 9 anni portiamo in giro “La notte” di Elie Wiesel, ma sia io, sia Paolo, stavolta volevamo fare una svolta di 180 gradi: non più parlare del male, bensì volgersi al bene. Nella convinzione che volgere lo sguardo al bene sia più fecondo che concentrarsi sul male. E allora abbiamo cercato una storia, forte, che andasse in quella direzione. E abbiamo incontrato Gino.” Durante gli anni del secondo conflitto mondiale il regime fascista inizia la persecuzione nei confronti degli ebrei italiani e porta l’Italia intera nel buio più nero della guerra. Donne e uomini giusti, tra i quali Gino Bartali tennero viva la compassione umana e in svariati modi traghettarono il paese intero verso un nuovo e lungo periodo di pace. Paolo Perin: “Dopo anni di spettacolo che parla dell’orrore dei campi di concentramento volevamo affrontare la stessa questione però da un lato diverso, da un lato che mettesse in evidenza la corresponsabilità in tutta questa vicenda del popolo italiano e anche che la analizzasse un po’ dalla parte di coloro che hanno tenuto la speranza accesa: la speranza che si poteva ripartire in un modo diverso per un periodo di pace. E Bartali è stato uno di questi. Noi pensiamo sia un messaggio che valga anche per adesso che siamo in un periodo un po’ conflittuale, c’è bisogno di gente che non si schieri con le bandiere ma che abbia sempre al centro la compassione tra gli uomini.”

Artista: Luisa Trevisi - Idee che danno spettacolo

Data evento: 30/01/2022

Orario di inizio: 17:00

Dove si svolge: Auditorium “Aldo Moro” Reggiolo Via Regina Margherita, 6 Reggiolo, RE 42046 Italia

Descrizione: In “Ginettaccio”, spettacolo scritto a quattro mani da Paolo Perin e Giovanni Betto, si vuole raccontare come nei momenti più bui d...